Ristrutturare in bioedilizia

È possibile ristrutturare in bioedilizia la propria casa o il proprio luogo di lavoro anche se si vive in città? Scegliendo materiali di origine naturale per la costruzione dei nuovi tramezzi o l’isolamento dei muri esistenti è possibile ridurre l’impatto ambientale generato dalle nostre ristrutturazioni.
Per questo motivo lo studio è attivo nella promozione e diffusione di materiali tanto innovativi, come la fibra di legno, il gessofibra o il calcio silicato, quanto semplicemente dimenticati, come la canapa la calce e l’argilla.

Quando è possibile ristrutturare in bioedilizia.

La risposta è.. sempre! Basta preferire quando è possibile materiali di origine naturale a quelli di origine petrolchimica e dedicare al cantiere un po’ più di tempo affinchè siano rispettati tutti i tempi di asciugatura senza ricorrere ai vari additivi chimici.

Il tempo è un fattore importantissimo in bioedilizia, per questo è necessaria una buona organizzazione del cantiere, in maniera tale che le lavorazioni non si accavallino e ognuna possa concludersi completamente senza compromettere la lavorazione successiva.
Si prenda ad esempio la fase dei sottofondi; questi devono raggiungere un livello di umidità inferiore al 2% prima che possa essere posato un pavimento in legno, in caso contario questo si potrebbe gonfiare e sollevare.

Gli additivi presenti nei premiscelati sono in grado di accelerare il processo di asciugatura e accorciare i tempi di cantiere; al contrario ristrutturando in bioedilizia bisogna aspettare.
Quando si decide di ristrutturare in bioedilizia il tempo è garanzia di un buon risultato e la parola rapido non esiste, soprattutto se preceduta da cemento!

Materiali e costi per ristrutturare in bioedilizia

I materiali per ristrutturare in bioedilizia sono sempre più presenti nei magazzini edili di qualità, i pannelli isolanti in fibre vegetali come la canapa, il kenaf, la fibra di legno o il sughero sempre più spesso sostituiscono polistirolo ed eps, anche se il prezzo si aggira di norma sul 20% in più.

L’origine riciclata di alcuni materiali, la compostabilità, la minore energia per produrli, sono solo alcuni degli aspetti da tenere in considerazione quando si opta per ristrutturare in bioedilizia, i vantaggi però non finiscono qui: la bioedilizia non si preoccupa solo dell’utente finale, ma dell’intero processo produttivo, dalla fabbrica all’applicatore, per un ambiente più sano sia dentro che fuori casa.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *